LA GUERRA COMMERCIALE, IL DILEMMA CINESE DI TRUMP

Il presidente degli Stati Uniti assicura che “non ha ancora deciso” se riaprire le ostilità economiche con Pechino

Le critiche della Cina sul coronavirus gli danno un compenso politico, ma una punizione danneggerebbe ulteriormente la sua economia

Murale su un muro di Berlino con Donald Trump e Xi Jinping

Murale su un muro di Berlino con Donald Trump e Xi Jinping / AFP / JOHN MACDOUGALL

Gli ultimi dieci giorni, da quando  Donald Trump ha  iniziato a mettere sul tavolo la possibilità di riaprire la guerra commerciale con la Cina, sono stati per il mondo una montagna russa di incertezze. Gli alti e bassi si sono calmati un po ‘venerdì dopo che Pechino e Washington hanno ripreso i colloqui ad alto livello e lanciato messaggi ottimistici sullo status e sul futuro della  “fase 1” dell’accordo concordato tra i due paesi a gennaio , anche in presenza di  tensioni esacerbate. ed economie colpite dal coronavirus . Le acque, tuttavia, sono ancora in subbuglio. E venerdì Trump stesso ha ricordato che sta attraversando “un momento  molto difficile  con la Cina” ed è ancora ” indeciso” sul futuro della relazione d’affari.

Il  dilemma  di Trump ha elementi  economici , ma anche, fondamentalmente politici , in particolare mancano meno di sei mesi alle elezioni ed alla sua speranza di rielezione. L’  intensa campagna  per  evidenziare le responsabilità e gli errori della Cina  nella diffusione del virus cerca chiaramente di  distogliere l’attenzione dai propri problemi di gestione e dalla risposta  alla crisi sanitaria. 

Trump ha ripetutamente affermato che questa  responsabilità cinese nella pandemia “supera” le considerazioni economiche  anche di un accordo che ha presentato come uno dei suoi più grandi successi agli elettori, un patto con il quale la Cina ha promesso di aumentare in due anni 200.000 milioni dollari i suoi acquisti dagli Stati Uniti rispetto ai totali del 2017, mentre Washington ha mantenuto le tariffe per 370.000 milioni di prodotti cinesi.

I problemi nel rispettare quegli impegni dalla Cina, che a causa di una combinazione del calo della domanda interna e dell’economia in crisi, hanno acquistato il  5,9% in meno rispetto all’anno precedente  tra gennaio e aprile (quando gli acquisti erano già inferiori di quelli del 2017), aprono le porte alla rottura dell’accordo. E Trump ha promesso di discutere in una o due settimane lo stato del patto.

“Scacchi o poker”

La sua visione è che sta giocando ad “una partita a scacchi o a poker” con la Cina. In quel “gioco”, per il momento sta  trattenendo le proposte dai più grandi osservatori  della sua amministrazione e del Congresso che propongono misure   punitive aggressive per Pechino, dal  ritiro dell’immunità sovrana  che consentirebbe legalmente di  inadempiere sui pagamenti del debito  (la Cina ha 1,1 trilioni di titoli del Tesoro),  un’idea folle  e con conseguenze devastanti per gli stessi Stati Uniti che  persino Trump respinge.

Lo slancio sta avanzando per cercare di  ridurre la dipendenza della Cina dalle catene di approvvigionamento,  un’iniziativa che ha funzionato per anni ma ora sta provando a muoversi  “a tutta velocità” . Ma l’idea, in cui più dipartimenti e agenzie collaborano alla ricerca di come spingere per far uscire la Cina dalla produzione attraverso incentivi fiscali o sussidi, e in cui sta anche negoziando con altri paesi, è un  progetto a lungo termine .

Tariffe, una carta avvelenata

Ciò che Trump ha nella manica è l’asso delle  tariffe , nelle sue parole ” la punizione finale ” e “il più grande strumento di negoziazione inventato e mai usato”, come presume di solito, ma sa che si tratta di una  carta avvelenata . Prima che scoppiasse questa crisi, Trump fu in grado di sopportare due anni di guerra commerciale e di ottenere il suo patto perché l’economia americana era abbastanza forte da resistere alla tempesta, ma con un  tasso di disoccupazione del 14,7%  e diretto al 20% e  prospettive di una contrazione economica del 30 o 35% , ora parte della  vulnerabilità .

Le tariffe, inoltre, non puniscono direttamente la Cina e il  mondo degli affari americano richiede che ritiri  anche quelli che sono già in vigore, che appesantiscono i profitti e pesano soprattutto ora che l’inventario si sta accumulando senza uscire in una crisi che colpisce aziende, lavoratori e consumatori. 

Ci sono anche fantasmi  storici in bilico  , come la  Grande Depressione , che è peggiorata quando gli Stati Uniti hanno scatenato una  guerra commerciale globale  approvando l’imposizione di tariffe con la legge  Smoot-Hawley , per la quale altri paesi si sono vendicati con le loro stesse imposizioni.

Al momento, il gioco è in  pausa  e, come spesso accade con Trump, i prossimi passi sono  imprevedibili . Per anticiparli o interpretarli, in ogni caso, è consigliabile non perdere di vista i sondaggi elettorali.