COME SI PUÒ DISTINGUERE TRA ALLERGIA, INFLUENZA O RAFFREDDORE?

Determinare se hai raffreddore, influenza o allergia può essere difficile quando hai sintomi comuni come starnuti o mal di gola. Tuttavia, tali sintomi riflettono che tutte queste condizioni influenzano il sistema respiratorio, come indicato dal National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti.

I sintomi più comuni di raffreddore, influenza e allergia comprendono naso chiuso o che cola, starnuti, mal di gola, tosse, mal di testa o persino affaticamento. Due sintomi che differiscono sono la febbre o il dolore, che non si applicano in caso di allergie, quindi possono essere dovuti solo a raffreddore o influenza. Ma i sintomi dell’influenza sono generalmente più gravi di quelli di un raffreddore. Per quanto riguarda le allergie, i suoi sintomi includono prurito agli occhi e lacrimazione, che normalmente non si verificano in caso di raffreddore o influenza. Sebbene i sintomi siano simili, l’origine delle condizioni è diversa. Il raffreddore e l’influenza sono causati da diversi virus, mentre le allergie sono causate dal sistema immunitario che reagisce a un trigger (allergene). Gli allergeni per inalazione più comuni sono polline, polvere.

Presenza di queste condizioni e come prevenirle

Il gruppo osserva che la chiave per differenziare queste condizioni è sapere quando e con quale frequenza si verificano nei pazienti. Ad esempio, una persona può prendere un raffreddore 3 o 4 volte l’anno, poiché i pazienti sviluppano l’influenza solo una volta. Le allergie sono una storia completamente diversa, in quanto si ripetono ripetutamente e stagionalmente. Va notato che i sintomi dell’allergia dureranno fino a quando si è esposti all’allergene ed è raro che un raffreddore o un’influenza durino più di due settimane.

Questi esperti avvertono anche che, poiché le allergie sono sempre il prodotto di fattori scatenanti esterni, la conoscenza della causa dell’allergia determinerà quando inizierai a sentire i sintomi. Le persone con allergie all’erba e agli alberi hanno maggiori probabilità di sperimentarlo in primavera, mentre il polline della pianta dell’ambrosia provoca reazioni allergiche in autunno. Coloro che sviluppano allergie agli allergeni indoor, come polvere, muffa o peli di animali domestici, possono manifestare sintomi tutto l’anno, soprattutto quando entrano in contatto con il fattore scatenante.

Sulla base di quanto sopra, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie forniscono alcune raccomandazioni per prevenire queste condizioni:

  • Per il raffreddore comune, i pazienti devono praticare buone abitudini di lavaggio delle mani, evitare le persone con raffreddore ed evitare la diffusione di germi.
  • Per prevenire l’influenza, le persone di età pari o superiore a 6 mesi devono sottoporsi al vaccino antinfluenzale.
  • I sintomi allergici possono essere prevenuti controllando il proprio ambiente ed evitando i trigger quando possibile.

Suggerimenti per il trattamento

Family Allergy & Ashma menziona i seguenti suggerimenti per il trattamento di queste condizioni a casa:

  • Se hai il raffreddore, bevi molti liquidi e controlla i sintomi fino alla loro scomparsa (puoi usare antistaminici da banco).
  • Se hai l’influenza, puoi utilizzare un farmaco antivirale dalle 24 alle 48 ore dopo aver iniziato a manifestare i sintomi.
  • Tratta le tue allergie evitando il contatto con allergeni, nonché farmaci per controllare i sintomi e i colpi di allergia per curare la causa, il tutto con la previa autorizzazione del tuo medico o allergologo.

RICORDA : comprendere le differenze tra queste condizioni può aiutarti a ottenere rapidamente il trattamento di cui hai bisogno.

Consulta il tuo medico o un allergologo se hai ulteriori domande e se hai ancora difficoltà a distinguere tra raffreddore, influenza e allergia.