La Sala Rossa per una giornata Arcobaleno

CHIARA APPENDINO – STUARD MILK

Ieri si è conclusa la commemorazione ufficiale della Giornata Internazionale contro l’omofobia presso la Sala Rossa del comune di Torino. Il tono degli interventi era incentrato sul volere e l’impegno per una trasformazione doverosa che vada verso il sogno di non doversi più occupare di istruire i ragazzi all’uguaglianza ed al rispetto, di uscire dagli stereotipi.

La comprensione attuale quanto fondamentale che i primi a dover determinare ciò che si possa definire come comportamento omofobia o meno debbano essere proprio quelle categorie di persone che l’hanno subito e che adesso si trovano in prima linea per combatterlo. Illustre, intenso ed appassionato ospite della commemorazione proprio Stuart Milk il nipote di quel Milk che ha infiammato gli animi con l l’amore è la semplicità del suo essere. Stuart si dichiara concludendo il suo intervento fiero della città di Torino che vanta una palese apertura ai diritti lgbt ed è la stessa Chiara Appendino che accettando la spilla in dono da parte di Milk si augura che queste misure per costruire uno stato sociale giusto e privo di diseguaglianze non siano più necessarie. La commemorazione ha concluso con un flashmob sotto la pioggia che ha visto le mani di chi è intervenuto e di chi ha assistito colorarsi ed apporre un’impronta su uno striscione bianco.

Una firma, un impegno, un sogno concreto ed in segno che l’insieme di menti aperte ed appassionate possa portare l arcobaleno su quelli che sembrano essere tempi che rischiano di involvere su questi temi.

IO VOLEVO LEI STEFANIA SCIALABBA